본문 바로가기
HOME> 저널/프로시딩 > 저널/프로시딩 검색상세

저널/프로시딩 상세정보

권호별목차 / 소장처보기

H : 소장처정보

T : 목차정보

Papers of the British School at Rome 37건

  1. [해외논문]   ROM volume 85 Cover and Back matter   A&HCI SCOPUS


    Papers of the British School at Rome v.85 ,pp. b1 - b2 , 2017 , 0068-2462 ,

    초록

    원문보기

    원문보기
    무료다운로드 유료다운로드

    회원님의 원문열람 권한에 따라 열람이 불가능 할 수 있으며 권한이 없는 경우 해당 사이트의 정책에 따라 회원가입 및 유료구매가 필요할 수 있습니다.이동하는 사이트에서의 모든 정보이용은 NDSL과 무관합니다.

    NDSL에서는 해당 원문을 복사서비스하고 있습니다. 아래의 원문복사신청 또는 장바구니담기를 통하여 원문복사서비스 이용이 가능합니다.

    이미지

    Fig. 1 이미지
  2. [해외논문]   ROM volume 85 Cover and Front matter   A&HCI SCOPUS


    Papers of the British School at Rome v.85 ,pp. f1 - f6 , 2017 , 0068-2462 ,

    초록

    원문보기

    원문보기
    무료다운로드 유료다운로드

    회원님의 원문열람 권한에 따라 열람이 불가능 할 수 있으며 권한이 없는 경우 해당 사이트의 정책에 따라 회원가입 및 유료구매가 필요할 수 있습니다.이동하는 사이트에서의 모든 정보이용은 NDSL과 무관합니다.

    NDSL에서는 해당 원문을 복사서비스하고 있습니다. 아래의 원문복사신청 또는 장바구니담기를 통하여 원문복사서비스 이용이 가능합니다.

    이미지

    Fig. 1 이미지
  3. [해외논문]   SARDINIA AND CYPRUS: AN ALTERNATIVE VIEW ON CYPRIOTES IN THE CENTRAL MEDITERRANEAN   A&HCI SCOPUS

    Russell, Anthony , Knapp, A. Bernard
    Papers of the British School at Rome v.85 ,pp. 1 - 35 , 2017 , 0068-2462 ,

    초록

    Recent research reveals what we term a 'discourse of certainty' regarding an assumed predominant socio-economic and cultural impact of Late Bronze Age Cypriotes or Mycenaeans on the local peoples of Sardinia and/or Sicily and Italy, not least in terms of a systematic, seaborne trading network extending from the Cyprus to the Tyrrhenian Sea. 'Minimalist' approaches to such a phenomenon have a long and venerable but more limited pedigree. In this study, we question why minimalist views have been so summarily dismissed in much current literature that seeks to evaluate an eastern Mediterranean presence or influence in the central Mediterranean. We focus on Sardinia, and on the range of Cypriot or 'Cypriot-type' materials found there. We consider the nature of the Cypriot–Sardinian relationship, and suggest that we should decouple foreign objects from foreign agents. We question several of the perceived Cypriot influences on Sardinian artefacts, and consider possible alternative mechanisms and routes of exchange between the east and central Mediterranean. We outline and discuss the array of presumed or actual Cypriot artefacts found on Sardinia, and argue that these do not add up to a 'significant' corpus of Late Cypriot materials and connections. Recenti ricerche indicano come sia riconoscibile un predominante ipotetico impatto socioeconomico e culturale cipriota o miceneo sulle popolazioni locali della Sardegna e/o della Sicilia e dell'Italia nella Tarda EtA del Bronzo, non da ultimo anche come conseguenza di un network commerciale marino che si estendeva da Cipro al mar Tirreno. Approcci di tipo 'minimalistico' a questo fenomeno hanno un pedigree prestigioso e consistente, seppure piU limitato. In questo studio si intende discutere le ragioni per le quali le visioni minimaliste sono state cosI sommariamente rigettate in buona parte della letteratura corrente che cerca di valutare una presenza o influenza mediterranea orientale nel Mediterraneo centrale. Ci si focalizza in particolar modo sulla Sardegna e sui materiali ciprioti o di 'tipo cipriota' lI rinvenuti. Si prende in considerazione la natura delle relazioni sardo-cipriote e si avanza l'ipotesi che si dovrebbero disgiungere gli oggetti stranieri dagli 'agenti' stranieri. Si mettono in discussione molte delle influenze cipriote supposte/percepite sui manufatti sardi e si considerano possibili meccanismi alternativi e diversi percorsi di scambio tra il Mediterraneo orientale e centrale. Si delinea e discute inoltre la gamma di manufatti ciprioti presunti o effettivi rinvenuti in Sardegna e si sostiene come questi concorrano realmente a non delineare affatto un significativo corpus di materiali e connessioni tardo ciprioti.

    원문보기

    원문보기
    무료다운로드 유료다운로드

    회원님의 원문열람 권한에 따라 열람이 불가능 할 수 있으며 권한이 없는 경우 해당 사이트의 정책에 따라 회원가입 및 유료구매가 필요할 수 있습니다.이동하는 사이트에서의 모든 정보이용은 NDSL과 무관합니다.

    NDSL에서는 해당 원문을 복사서비스하고 있습니다. 아래의 원문복사신청 또는 장바구니담기를 통하여 원문복사서비스 이용이 가능합니다.

    이미지

    Fig. 1 이미지
  4. [해외논문]   FUNERARY TRANSFORMATIONS IN AN ETRUSCO-ITALIC COMMUNITY: SOCIAL DISPLAY AND AUSTERITY IN HELLENISTIC CHIUSI   A&HCI SCOPUS

    Daveloose, Alexis
    Papers of the British School at Rome v.85 ,pp. 37 - 69 , 2017 , 0068-2462 ,

    초록

    From the end of the third century BC on, the funerary culture of the Etruscan city of Chiusi saw the gradual disappearance of the most expensive containers and tombs. At the same time, there was first a dramatic increase in the number of such monuments, followed by an equally sharp decline in the first century BC. The qualitative development has traditionally been explained using sumptuary laws, which should have constrained funerary expenditure. However, a close examination of the local evidence reveals that this is not only unlikely, but also does not explain the quantitative development and why there was a social and cultural need to constrain these funerary objects in the first place. Using the concepts of distinction and habitus developed by Bourdieu, this paper analyses the developments in Chiusine funerary practice by focusing on social interactions within and between Elites and non-Elites. This gives both groups agency in a complex social, cultural and political process that caused the criteria for distinction to change, ultimately making funerary culture less important for status differentiation in the rapidly changing context of Hellenistic Italy. A partire dalla fine del III sec. a.C. si puO registrare nella cultura funeraria della cittA etrusca di Chiusi la graduale scomparsa dei cinerari e delle strutture tombali di maggiore impegno economico. Allo stesso tempo si puO riconoscere un aumento considerevole nel numero di questi monumenti, seguito poi da un declino, ugualmente netto, nel corso del I sec. a.C. Questo tipo di fenomeno E stato tradizionalmente spiegato con l'introduzione di leggi suntuarie, mirate a contenere il lusso funerario. Tuttavia, un'attenta disamina delle testimonianze locali mostra come questa interpretazione sia non solo improbabile, ma in ultima analisi non contribuisca a chiarire neppure lo sviluppo dal punto di vista quantitativo e i motivi per i quali vi fu una necessitA sociale e culturale di limitare l'uso proprio di questi oggetti funerari. Utilizzando i concetti di distinzione e di habitus sviluppati da Bourdieu, il presente articolo analizza gli sviluppi nella pratica funeraria chiusina, mettendo l'accento sulle interazioni sociali all'interno dell' Elite e tra quest'ultima e le non- Elite . Questo approccio riconosce a entrambi i gruppi la capacitA di agency in un processo complesso che ha interessato gli ambiti sociale, culturale e politico e che E stato alla base dei criteri per la distinzione che ha portato al cambiamento, rendendo in ultima analisi la cultura funeraria meno importante in rapporto alla manifestazione della differenziazione di status nel contesto in rapido cambiamento dell'Italia di etA ellenistica.

    원문보기

    원문보기
    무료다운로드 유료다운로드

    회원님의 원문열람 권한에 따라 열람이 불가능 할 수 있으며 권한이 없는 경우 해당 사이트의 정책에 따라 회원가입 및 유료구매가 필요할 수 있습니다.이동하는 사이트에서의 모든 정보이용은 NDSL과 무관합니다.

    NDSL에서는 해당 원문을 복사서비스하고 있습니다. 아래의 원문복사신청 또는 장바구니담기를 통하여 원문복사서비스 이용이 가능합니다.

    이미지

    Fig. 1 이미지
  5. [해외논문]   A REPUBLICAN DILEMMA: CITY OR STATE? OR, THE CONCRETE REVOLUTION REVISITED   A&HCI SCOPUS

    Davies, Penelope J.E.
    Papers of the British School at Rome v.85 ,pp. 71 - 107 , 2017 , 0068-2462 ,

    초록

    In a well-known passage, the Greek historian Polybius, writing in the mid-second century BC, attributes Rome's success as a republic to a perfect balance of power between its constituent elements, army, senate and people ( Histories 6.11); and indeed, the Republic's long survival was an achievement worth explaining. On another note, over a century later, Livy remarked how Republican Rome, with its rambling street plan and miscellany of buildings, compared unfavourably with the magnificent royal cities of the eastern Mediterranean; he put this down to hasty rebuilding after a great Gallic conflagration around 390 BC. Few scholars now accept his explanation. A handful of scholars argue for underlying rationales, usually when setting up the early city as a foil for its transformation under Augustus and subsequent emperors, and their conclusions tend towards characterizing the city's design as an unintended corollary to the annual turnover of magistrates. This article, likewise, argues for the role of government in the city's appearance; but it contends that the state of Republican urbanism was deliberate. A response, of sorts, to both ancient authors' observations, it addresses how provisions to ensure equilibrium in one of the Republic's components, the senatorial class, in the interests of preserving the res publica, came at a vital cost to the city's architectural evolution. These provisions took the form of intentional constraints (on time and money), to prevent Elite Romans from building like, and thus presenting themselves as, Mediterranean monarchs. Painting with a broad chronological stroke, it traces the tension between the Roman Republic in its ideal state and the physical city, exploring the strategies Elite Romans developed to work within the constraints. Only when unforeseen factors weakened the state's power to self-regulate could the built city flourish and, in doing so, further diminish the state. Many of these factors — such as increased wealth in the second century and the first-century preponderance of special commands — are known; to these, this article argues, should be added the development of concrete. Attorno alla metA del II sec. a.C., lo storico greco Polibio attribuisce in un noto passo il successo di Roma come Repubblica al perfetto bilanciamento del potere tra i suoi elementi costitutivi: l'esercito, il senato e il popolo ( Storie 6.11). Ed in effetti, la lunga durata della Repubblica era un risultato che andava spiegato. In un altro passo, successivo di oltre un secolo, Livio osserva invece come la Roma repubblicana con il suo assetto stradale incoerente e la sua mescolanza di edifici, uscisse sfavorita da un paragone con le magnifiche cittA regali del Mediterraneo orientale. Lo storico riconduceva questa situazione alla frettolosa ricostruzione seguita all'incendio gallico del 390 a.C. Alcuni studiosi sostengono che in questo assetto siano da riconoscere scelte razionali, ponendo generalmente la cittA piU antica come elemento di confronto con la sua 'trasformazione' sotto il regno di Augusto e dei suoi successori. Le loro conclusioni tendono pertanto a caratterizzare la struttura della cittA come una sorta di corollario non intenzionale del turnover annuale dei magistrati. Il presente articolo sostiene concorda nel sostenere la rilevanza del ruolo giocato dal governo nell'aspetto della cittA; ma asserisce per contro come il tipo di urbanistica della Roma repubblicana fosse una scelta deliberata. Quasi a mo' di risposta alle osservazioni di entrambi gli autori antichi, si mette in evidenza come i provvedimenti volti ad assicurare l'equilibrio di uno degli elementi costitutivi della Repubblica – l'ordine senatorio – nell'interesse della conservazione della res publica abbiano avuto come contropartita il tipo di evoluzione architettonica della cittA. Nel

    원문보기

    원문보기
    무료다운로드 유료다운로드

    회원님의 원문열람 권한에 따라 열람이 불가능 할 수 있으며 권한이 없는 경우 해당 사이트의 정책에 따라 회원가입 및 유료구매가 필요할 수 있습니다.이동하는 사이트에서의 모든 정보이용은 NDSL과 무관합니다.

    NDSL에서는 해당 원문을 복사서비스하고 있습니다. 아래의 원문복사신청 또는 장바구니담기를 통하여 원문복사서비스 이용이 가능합니다.

    이미지

    Fig. 1 이미지
  6. [해외논문]   PRODUCTION AND TRADE IN CENTRAL ITALY IN THE ROMAN PERIOD: THE AMPHORA WORKSHOP OF MONTELABATE IN UMBRIA   A&HCI SCOPUS

    Ceccarelli, Letizia
    Papers of the British School at Rome v.85 ,pp. 109 - 141 , 2017 , 0068-2462 ,

    초록

    The object of study in this paper is four unpublished kilns excavated in 2012 at Montelabate (Perugia, Italy), in the framework of the Montelabate Project. The workshop, in use from the mid-first to the fifth century AD, which produced amphorae, coarseware and tile, offers an interesting model for the study of the economy of production in Regio VI (Umbria). The location of the workshop allows the exploration of wider issues such as connectivity, changes in local and regional markets, and continuity in the exploitation of natural resources: the site had a rich clay deposit and was surrounded by densely forested hills, whilst the flat fertile fields were suitable for agriculture and wine production; connectivity was ensured by the river Ventia, a tributary of the Tiber, and by an internal road that joined the Via Flaminia. The paper discusses the substantial number of failed flat-bottomed wine amphorae of the Spello type, discovered at Montelabate, that revealed a large-scale production with little standardization, as eight different local types were identified. The manufacturing complex provides new evidence for a production system that played an important role on a larger regional scale as well as in the local economic network, which continued until the fifth century AD. Il presente contributo si focalizza sullo studio di un'area produttiva, composta da quattro fornaci rettangolari verticali, scavata per la prima volta nel 2012 a Montelabate (Perugia, Italia). La produzione, che comprendeva sia anfore che ceramica comune e laterizi, rappresenta un importante tassello per lo studio del quadro economico e produttivo della Regio VI (Umbria) tra la metA del I secolo ed il IV–V secolo d.C. La posizione geografica dell'officina permette di analizzare diversi aspetti quali i collegamenti e gli scambi commerciali, i cambiamenti del mercato sia locale che regionale e la continuitA dello sfruttamento delle risorse naturali: le fornaci erano costruite accanto ad una cava di argilla ideale per la produzione ceramica, mentre il combustibile era fornito dalle colline coperte di boschi. Infine, lo sfruttamento agricolo con la coltivazione della vite si concentrava nelle aree pianeggianti collegate dal fiume Ventia, affluente del Tevere, mentre il collegamento terrestre era garantito dalla via Flaminia. L'analisi dei numerosi scarti presentati in dettaglio in questo contributo indica una prima fase di produzione che riguardava principalmente anfore vinarie a fondo piatto c.d. tippo di Spello, di cui sono stati individuati otto tipi. L'officina di Montelabate, pur in maniera ridotta, ha continuato a produrre ceramica comune e laterizi fino al IV–V secolo d.C, rappresentando un'importante testimonianza produttiva di epoca tardo-antica sia a livello locale che regionale.

    원문보기

    원문보기
    무료다운로드 유료다운로드

    회원님의 원문열람 권한에 따라 열람이 불가능 할 수 있으며 권한이 없는 경우 해당 사이트의 정책에 따라 회원가입 및 유료구매가 필요할 수 있습니다.이동하는 사이트에서의 모든 정보이용은 NDSL과 무관합니다.

    NDSL에서는 해당 원문을 복사서비스하고 있습니다. 아래의 원문복사신청 또는 장바구니담기를 통하여 원문복사서비스 이용이 가능합니다.

    이미지

    Fig. 1 이미지
  7. [해외논문]   FINDING COMMERCE: THE TABERNA AND THE IDENTIFICATION OF ROMAN COMMERCIAL SPACE   A&HCI SCOPUS

    Holleran, Claire
    Papers of the British School at Rome v.85 ,pp. 143 - 170 , 2017 , 0068-2462 ,

    초록

    Although commercial activity was one of the central features of Roman urban centres, the identification of commercial space in the archaeological record is not always straightforward. Identifications are routinely made through the application of Latin nomenclature to particular architectural typologies, almost inevitably leading to interpretations of space influenced by both textual and modern analogies, a practice which can be most clearly demonstrated by the so-called taberna . Using the taberna as a case-study, this paper explores the issues of Latin nomenclature and textual analogy; architectural typology and modern analogy; and material evidence and functional space, demonstrating the difficulties of identifying specific functions for so-called tabernae in the archaeological record. It argues that a much wider variety of spaces should be viewed as potentially commercial, since commerce — and especially retail — could take place almost anywhere, and suggests ways in which we could use the ancient evidence to look for commerce beyond the taberna , demonstrating the commercial potential of streets, porticoes, arcades, open spaces, and even private houses, since the separation of commercial and domestic activities in the ancient world was minimal. Sebbene l'attivitA commerciale possa essere considerata una delle caratteristiche centrali delle cittA romane, l'identificazione dello spazio commerciale nel record archeologico non E sempre semplice. Essa E frutto generalmente dell'applicazione della terminologia latina a particolari tipologie architettoniche, il che porta inevitabilmente a interpretazioni influenzate da analogie sia testuali sia moderne, come chiaramente dimostrato dal caso della cosiddetta taberna. Utilizzando la taberna come caso studio, il presente articolo esplora le questioni della terminologia latina e dell'analogia testuale, della tipologia architettonica e dell'analogia moderna, dell'evidenza materiale e dello spazio funzionale, dimostrando le difficoltA di identificare specifiche funzioni nel record archeologico per le cosiddette tabernae . Si sostiene inoltre che una maggiore gamma di spazi dovrebbe essere considerata come potenzialmente commerciale, dal momento che il commercio — specialmente quello di dettaglio — poteva avere luogo quasi ovunque. Si suggeriscono cosI modi in cui si potrebbe usare l'evidenza antica per indagare la categoria del commercio al di fuori della taberna , dimostrando il potenziale commerciale delle strade, dei portici, degli spazi aperti e persino delle case private, dal momento che nel mondo antico la distinzione tra attivitA commerciali e domestiche era minima.

    원문보기

    원문보기
    무료다운로드 유료다운로드

    회원님의 원문열람 권한에 따라 열람이 불가능 할 수 있으며 권한이 없는 경우 해당 사이트의 정책에 따라 회원가입 및 유료구매가 필요할 수 있습니다.이동하는 사이트에서의 모든 정보이용은 NDSL과 무관합니다.

    NDSL에서는 해당 원문을 복사서비스하고 있습니다. 아래의 원문복사신청 또는 장바구니담기를 통하여 원문복사서비스 이용이 가능합니다.

    이미지

    Fig. 1 이미지
  8. [해외논문]   'MONS MANUFACTUS': ROME'S MAN-MADE MOUNTAINS BETWEEN HISTORY AND NATURAL HISTORY (c. 1100–1700)   A&HCI SCOPUS

    Donkin, Lucy
    Papers of the British School at Rome v.85 ,pp. 171 - 204 , 2017 , 0068-2462 ,

    초록

    Rome's man-made mounds occupy a position between built antiquities and natural features. In the Middle Ages and early modern period, particular attention was paid to Monte Testaccio, the Mausoleum of Augustus, and the related 'mons omnis terra'. Debate focused on the origins and composition of the mounds, thought to contain either earth brought to Rome as symbolic tribute, pottery used to hold monetary tribute, or pottery produced locally. Developing over time in different genres of writing on the city, these interpretations were also employed in works on historical, religious and geological themes. The importation of material, expressive of relations between Rome and the wider world in antiquity, was used to draw positive and negative comparisons with present-day rulers and the papacy, and to associate Rome with Babylon. The growth of the mounds and the presence of ceramics were invoked in discussions of the formation of mountains and montane fossils. If the mounds' ambiguities facilitated their incorporation into other debates, the terms in which they are discussed reflect ongoing engagement with literature on the city. The reception of these monuments thus offers a distinctive perspective on the significance of Rome to connections between spheres of knowledge in this period. A Roma le colline artificiali, frutto dell'azione umana, possono essere considerate una sorta di via di mezzo tra antichitA costruite e realtA naturali. Nel Medioevo e nel periodo moderno particolare attenzione E stata data al Monte Testaccio, al Mausoleo di Augusto e al relativo ' mons omnis terra '. In particolare il dibattito si E focalizzato sulle origini e sulla composizione di questi rilievi. Si E pensato che contenessero o terra portata a Roma come un tributo simbolico, o ceramiche utilizzate per contenere tributi monetari, o ceramiche prodotte localmente. Sviluppandosi nel corso del tempo in relazione a diversi tipi di scritti sulla cittA, queste interpretazioni sono state utilizzate anche in lavori su tematiche storiche, religiose e geologiche. L'importazione di materiale, espressione delle relazioni ad ampio raggio di Roma nel mondo antico, E stata usata per tracciare confronti in positivo o in negativo con governanti contemporanei e il papato, e per associare Roma con Babilonia. La 'crescita' di queste colline artificiali e la presenza di ceramiche sono state chiamate in causa nelle discussioni sulla formazione di montagne e fossili montani. Se l'ambiguitA di queste strutture ha facilitato il loro inserimento in altri dibattiti, i termini nei quali sono state discusse riflettono tuttavia anche il continuo interesse nei confronti di Roma. La ricezione di questi monumenti perciO offre una prospettiva peculiare del significato di Roma con connessioni tra diverse sfere di conoscenza.

    원문보기

    원문보기
    무료다운로드 유료다운로드

    회원님의 원문열람 권한에 따라 열람이 불가능 할 수 있으며 권한이 없는 경우 해당 사이트의 정책에 따라 회원가입 및 유료구매가 필요할 수 있습니다.이동하는 사이트에서의 모든 정보이용은 NDSL과 무관합니다.

    NDSL에서는 해당 원문을 복사서비스하고 있습니다. 아래의 원문복사신청 또는 장바구니담기를 통하여 원문복사서비스 이용이 가능합니다.

    이미지

    Fig. 1 이미지
  9. [해외논문]   THE EXILIC BURIAL PLACE OF A GAELIC IRISH COMMUNITY AT SAN PIETRO IN MONTORIO, ROME   A&HCI SCOPUS

    FitzPatrick, Elizabeth
    Papers of the British School at Rome v.85 ,pp. 205 - 239 , 2017 , 0068-2462 ,

    초록

    This paper presents the findings of a survey of the funerary monuments and burial vault of an exiled community of Gaelic Irish who were interred (1608–23) at San Pietro in Montorio, Rome. The site of their burial and commemoration had an eventful history that resulted in loss, fragmentation and alteration of the ledgers of Elite members of the group, including those of the respective chiefs and earls of the Ulster lordships of Tyrone and Tyrconnell in Ireland. The original form and layout of the ledgers and their inscriptions is proposed and they are examined in the context of their setting in a Franciscan church patronized by Philip III of Spain. The ledger inscriptions commemorate both the suffering and Counter-Reformation confessional identity of the Gaelic Irish as Catholic exiles. They indicate tension between the complex political circumstances of the exiles' lives in Rome and a concern to provide an appropriate burial site publicly reflecting their status and piety. L'articolo presenta gli esiti di un'indagine sui monumenti funerari e sulla cripta di una comunitA gaelica irlandese in esilio, i cui membri furono sepolti a San Pietro in Montorio a Roma tra il 1608 e il 1623. Il luogo della loro sepoltura e della loro commemorazione E stato caratterizzato da una storia densa di avvenimenti che ha avuto come esito la perdita, la frammentazione e l'alterazione delle pietre tombali dei membri dell'Elite del gruppo, inclusi quelle dei rispettivi capi e conti delle signorie dell'Ulster di Tyrone e Tyrconnell in Irlanda. Nell'articolo si propone la ricostruzione della forma e dell'impostazione originale delle pietre tombali e delle iscrizioni, che vengono esaminate nel contesto della loro ambientazione in una chiesa francescana, di cui Filippo III di Spagna era finanziatore. Le iscrizioni delle pietre tombali commemorano sia la sofferenza sia l'identitA confessionale dei Gaelici Irlandesi, esuli cattolici nell'epoca della controriforma. Esse testimoniano inoltre la tensione tra le complesse circostanze politiche delle vite degli esiliati in Roma e la preoccupazione di fornire un luogo di sepoltura appropriato che rispecchiasse anche pubblicamente il loro status e la loro devozione.

    원문보기

    원문보기
    무료다운로드 유료다운로드

    회원님의 원문열람 권한에 따라 열람이 불가능 할 수 있으며 권한이 없는 경우 해당 사이트의 정책에 따라 회원가입 및 유료구매가 필요할 수 있습니다.이동하는 사이트에서의 모든 정보이용은 NDSL과 무관합니다.

    NDSL에서는 해당 원문을 복사서비스하고 있습니다. 아래의 원문복사신청 또는 장바구니담기를 통하여 원문복사서비스 이용이 가능합니다.

    이미지

    Fig. 1 이미지
  10. [해외논문]   ARCHAEOLOGICAL FINDINGS AND CELEBRATORY POETRY IN THE ROME OF PIUS VI   A&HCI SCOPUS

    Caruso, Carlo
    Papers of the British School at Rome v.85 ,pp. 241 - 268 , 2017 , 0068-2462 ,

    초록

    In the second half of the eighteenth century, archaeological activities in Rome intensified considerably under the pontificate of Pius VI (1775–99), and new excavations in the Roman Campagna and the Latium, together with the erection of the Museo Pio Clementino (1776–84), excited considerable interest in Roman learned and literary circles. A young poet who had moved to Rome from Romagna, Vincenzo Monti (1754–1828), obtained his first great success by celebrating the new discoveries in a memorable poem, La prosopopea di Pericle . In it, a newly found herm of Pericles sings of Pius's pontificate as a new golden age for the arts. Monti, who was to become Italy's most authoritative man of letters in the following decades, befriended in those years, and received considerable assistance from, the leading antiquarian of that age, Ennio Quirino Visconti (1751–1818). Their relationship and its legacy provide the subject of this paper, with emphasis on Monti's early poetry, its significance for the literary history of the neoclassical age, and its role in shaping a novel poetic style intended for the praise of ancient art. Nella seconda metA del Settecento, sotto il pontificato di Pio VI (1775–99) si assistette a un considerevole incremento della ricerca archeologica, e i nuovi scavi condotti nella Campagna romana e nel Lazio, insieme con l'allestimento del Museo Pio Clementino (1776–84), suscitarono l'interesse delle cerchie romane di antiquari, dotti e letterati. Un giovane poeta giunto a Roma dalla nativa Romagna, Vincenzo Monti (1754–1828), ottenne il suo primo grande successo con una celebre poesia, La prosopopea di Pericle , nella quale un'erma di Pericle appena ritrovata esalta le nuove scoperte e con esse il pontificato di Pio come una nuova etA dell'oro per le arti. Monti, destinato a diventare nei decenni successivi l'uomo di lettere piU autorevole d'Italia, entrO in quegli anni in contatto il piU grande archeologo allora vivente, Ennio Quirino Visconti (1751–1818), dal quale ricevette amicizia e assistenza. Si tocca qui del loro legame durante gli anni romani e oltre, con accenni all'importanza della prima produzione poetica montiana per la storia letteraria dell'etA neoclassica e per l'elaborazione di un nuovo stile poetico adibito all'esaltazione dell'arte antica.

    원문보기

    원문보기
    무료다운로드 유료다운로드

    회원님의 원문열람 권한에 따라 열람이 불가능 할 수 있으며 권한이 없는 경우 해당 사이트의 정책에 따라 회원가입 및 유료구매가 필요할 수 있습니다.이동하는 사이트에서의 모든 정보이용은 NDSL과 무관합니다.

    NDSL에서는 해당 원문을 복사서비스하고 있습니다. 아래의 원문복사신청 또는 장바구니담기를 통하여 원문복사서비스 이용이 가능합니다.

    이미지

    Fig. 1 이미지

논문관련 이미지